Pagina:Gozzi - La Marfisa bizzarra.djvu/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

prefazione 11

i miei paladini bevano il caffè, il cioccolato e mandino de’ libretti alla stampa al tempo di Carlo Magno. Ho voluto che possano raccomandarsi a’ santi e nominare de’ santi che dovevano ancora nascere, che possano spendere delle monete di conio posteriore all’etá loro, che possano leggere Rutilio Benincasa, l'Ottimismo, il Lunario da Bassano, eccetera eccetera. Dicendo «ho cosí voluto», spero di levare la noia agli eruditi critici di raccogliere una filza di simili anacronismi de’ quali desiderai di valermi, non curandomi d’avere il torto a prender de’ granchi volontariamente. Nella Marfisa non si tratta né del commercio né dell’arti né dell’agricoltura. Dovrá dunque cadere per questa sola ragione tra i libri disutilacci e da non esser punto considerati? Io rispetto i benemeriti scrittori, che co’ loro ponderati, seri e zelanti insegnamenti hanno giá in questo secolo ridotte ricchissime tutte le cittá, fertilissime tutte le campagne, agiatissime tutte le famiglie, come si vede. Pieno di gratitudine e d’umiliazione verso il loro merito, pel benefizio dell’universale opulenza introdotta, per i cibi e i vestiti che si hanno oggidi con poca spesa, chiedo in grazia che si permetta senza disprezzo di poter proccurare nell’uomo un commercio di buona fede, quanto quello della cociniglia e dell’endico; che si permetta senza disprezzo, che si possano animar nell’uomo le bell’arti della virtú, de’ costumi, dell’eloquenza quanto le manifatture de’ panni e delle stoffe; che si permetta senza disprezzo che si possa coltivar l’animo e il cuore dell’uomo almeno quanto un gelso ed una patata. Consoliamoci con le nostre reciproche lusinghe d’esser utili alla societá, con le nostre reciproche speranze di renderci immortali, e tronchiamo le nostre prefazioni seccatrici reciprocamente.