Pagina:Gozzi - Memorie Inutili, vol 2, 1910 - BEIC 1838429.djvu/218

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
212 memorie inutili

ridere ed io ebbi fatica sette minuti a persuadere il greco ch’io non era il signor Costantino Zucalá.

Fatta ricerca sulla mia somiglianza col signor Zucalá a chi lo conosceva, fui assicurato che quel signore, onorato mercante, era un uomo di bassa statura, pingue e che non aveva grano di somiglianza con me.

Avrò tediato soverchiamente narrando la centesima parte delle stravaganze che annoiarono me sulle mie giudicate somiglianze: darò ora un cenno sulla centesima parte de’ contrattempi che mi colsero.

Fosse di verno, fosse di primavera, fosse di state, fosse d’autunno, ad una pioggia dirotta improvvisa che mi colse fuori di casa, per quante ore mi fermassi o sotto un porticale o in qualche bottega ad attendere che quella pioggia cessasse per andarmene a casa asciutto, non v’è esempio ch’io avessi giammai la consolazione di veder cessato il diluvio, anzi lo vidi infuriare sempre maggiormente.

Spinto alfine dalla ricadia d’attendere invano, dalla impazienza e dalla brama d’andarmene a casa, mi sottomisi mansueto al diluvio, giugnendo al mio albergo molle e grondante d’acqua.

Giunto a casa con quella miseria addosso, appena aperto l’uscio e postomi in salvezza, cessò tosto la pioggia, le nuvole si diradarono e si mostrò il sole, ridente forse del mio fastidio.

Delle dieci le otto volte per tutto il corso della mia vita, quando sperai di rimaner solo e di potermi occupare leggendo o scrivendo per appagare il mio genio e per distrarmi da’ pensieri molesti, delle lettere o delle persone inaspettate, piú moleste de’ miei pensieri e delle lettere, vennero a interrompermi e a porre in crucciolo la mia pazienza.

Delle dieci le otto volte per tutto il tempo da che incominciai a radermi la barba, per delle persone giunte nel punto di raderla, le quali vennero frettolose adducendo di aver bisogno di parlar tosto con me, o furono persone di qualitá da non poter fare attendermi, ho dovuto nettare in fretta la saponata dal viso e talora uscire colla barba mezza rasa e mezza da