Pagina:Gozzi - Memorie Inutili, vol 2, 1910 - BEIC 1838429.djvu/238

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
232 memorie inutili


Appena egli mi die’ tempo di pranzare che picchiò all’uscio mio con gran furore, e mi comparve disperato dinanzi con la moglie, che infatti aveva il ventre alla gola.

— Perdoni, signore — diss’egli quasi piangendo, — ecco qui la mia povera moglie co’ dolori del parto che incalzano. Per l’amore di Gesú mi faccia tosto l’affittanza. Io temo di non essere in tempo e ch’ella partorisca per la via.

Osservai quella moglie, ch’era una giovinotta non brutta, che si teneva le pugna a’ fianchi, faceva de’ sberleffi, si rannicchiava e divincolava come una biscia.

Tutto compassione e tutto timore ch’ella non mi partorisse in casa, corsi allo scrittoio, vergai la affittanza a Domenico Bianchi, che pagò la sua rata d’un mese, come sogliono pagare le povere genti, gli feci consegnare le chiavi dal servo, e la coppia se ne andò con Dio.

Scorse alcune settimane, venne al mio albergo il piovano di Santa Maria, e tutto acceso mi disse: — A chi diavolo ha Ella affittato la tal sua casa?

— A un Domenico Bianchi gondoliere, che serve la famiglia Colombo e che aveva la moglie gravida, vicina al partorire — rispos’io.

— Che Domenico Bianchi? che Colombo? che gondoliere? che moglie gravida? — disse il piovano piú riscaldato. — Colui non è altrimenti Domenico Bianchi: è un ruffiano. Colei è una zambracca, che s’è posta un coscino sulla pancia per farsi credere gravida. La sua casa è abitata da tre puttane che assediano gli uomini che passano. Ivi si vende vino, si fanno baruffe e bordelli. I vicini molestati e incolleriti vengono a rompere il capo a me. Lo scandalo è grande nella contrada ed è suo debito di cristiano il rimediare a tanto disordine.

Rimasi stordito a quella narrazione. Chetai il piovano. Narrai la storia a mia giustificazione. Lo feci ridere. Promisi il rimedio, e partí. Feci degli esami prima di cercare il rimedio e trovai che il piovano m’aveva detta una spiacevole veritá.

Mi recai tosto a cercare dalla giustizia un sollecito sommario effetto della giustizia, e informando del caso mio un patrizio