Pagina:Gozzi - Memorie Inutili, vol 2, 1910 - BEIC 1838429.djvu/52

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
46 memorie inutili

col Gratarol, né per la di lei né per l’opinione di molti a’ quali l’ha fatta leggere, per un pettegolo maligno uffizio d’una frasca e per una sciocca credulitá di quel signore non era giusto che fosse trattenuto da una fanatica violenza un divertimento conosciuto innocente, licenziato con gli ordini legali e sacri, atteso dal pubblico, e un utile a delle povere genti; che il donare una rappresentazione a de’ comici era la stessa cosa che averla donata al pubblico sopra cui i soli tribunali comandano; ch’io non aveva piú arbitrio alcuno sopra al dramma donato; che tuttavia il manoscritto sarebbe nuovamente passato sotto il dovuto novello esame del grave tribunale d’ispezione in obbedienza della nuova chiamata e che dipenderebbe da’ comandi di quello.

Ognuno potrá agevolmente vedere ch’io non poteva che ristringermi nelle spalle ed ammutolire a quella risposta.

Mi contentai di esagerare nuovamente le mie previsioni col fratello sulla illusione giá consolidata da’ discorsi; illusione che sarebbe forse coltivata da’ nimici del Gratarol e dalla maliziosa venale aviditá de’ commedianti che si vedevano favoriti. — Il Gratarol — aggiunsi al fratello, — quanto piú sará protetta e sostenuta la innocenza dell’opera mia da’ Grandi in puntiglio, tanto piú terrá sempre l’occhio verso me solo, considererá me solo l’oggetto della sua disgrazia, e sarò sempre io solo il bersaglio del suo cervello rovente e delle sue stravaganze. Ecco il frutto ch’io colgerò da un favore ch’io supplichevole chiedo di non avere e che mi si vuol fare a forza in quest’argomento, non so se a riguardo mio, a riguardo de’ commedianti o di qualche capriccio.

Trascorsi che furono alquanti giorni dopo tenuto il ragionamento con mio fratello, mi vidi comparire a fronte il signor Francesco Agazi segretario notaio revisore al magistrato sopra la bestemmia. Egli era togato e mi disse in un tuono serio e magistrale: — Lei ha donata una commedia che ha per titolo: Le droghe d’amore alla compagnia del capocomico Sacchi. Quella commedia fu letta, esaminata e licenziata per il teatro in San Salvatore dal magistrato a cui servo. La commedia è licenziata e deve entrare nel teatro. Lei non ha piú alcun arbitrio. Si ricordi