Pagina:Graf - Le Rime dalla Selva, 1906.djvu/220

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
212 Le Rime della Selva


Un core schietto, non doppio
     A guisa delle cipolle;
     Sebbene un po’ matto e molle,
     16Come chi fumi dell’oppio.

Un bravo cor che ha finito
     Di sempre battere a ufo;
     Un core tenero e stufo,
     20Ch’essendo morto, è guarito.