Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/168

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


1929-1933: MISCELLANEA I l6l natore d’organi e si metta a suonare, ma gli manchi chi gli tenga il mantice». R. Bonghi, I fatti miei e i miei pensieri, «Nuova Antologia», 16 aprile 27 \ § (9 ). I filosofi e la Rivoluzione francese. Nello stesso zibaldone il Bonghi scrive di aver letto un articolo di Carlo Louandre nella « Revue des deux mondes » in cui si parla di un giornale (diario) di Barbier allora pubblicato, che riguar¬ da la società francese dal 1718 al 1762. Il Bonghi ne trae la conclusione che la società francese di Luigi XV era peggiore per ogni parte di quella che seguì la rivoluzione. Supersti¬ zione religiosa in forme morbose, mentre l’incredulità cre¬ sceva nell’ombra. Il Louandre dimostra che i «filosofi» det¬ tero la teoria di una pratica già fatta, non la fecero1 §{io). Un gondoliere veneziano faceva delle grandi sberrettate a un patrizio e dei piccoli saluti alle chiese. Un patrizio gli domandò perché facesse così e il gondoliere: Perché coi santi non si cogliona. (Bonghi, ibidem)1 § ( 11 ). Manzoni e Rosmini su Napoleone III. «A lui (Manzoni) che questo Luigi Napoleone non sia un miraco¬ lo, né altro la crisi presente di Francia che una fermata nella Rivoluzione di Francia. Il Rosmini invece ne fa un braccio della Provvidenza, un inviato di Dio; il che riconosce alla sua moralità e Religione; e spera assai, assai. Io sto col Man¬ zoni». (Bonghi, ibidem)l. § ( 12 >. La marina mercantile italiana. Estratti dall’ar¬ ticolo La nostra marina transatlantica di L. Fontana Russo, nella «Nuova Antologia» del 16 aprile 1927 \ Le perdite complessive della marina mercantile italiana per sottomarini e sequestri durante la guerra salirono a 872 341 tonn. lorde (238 piroscafi per 769 450 tonn. e 395 velieri per io 891), cioè il 49% del|l’intera flotta, mentre