Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/220

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


1929-1933: MISCELLANEA I 213 § ( 56 ). Massimo D’Azeglio. In questi anni molte pub¬ blicazioni apologetiche di Massimo D’Azeglio, specialmente del nominato Marcus De Rubris1 (vedere quanti titoli il De Rubris ha inventato per il D’Azeglio: il cavaliere della na¬ zione, l’araldo della vigilia, ecc. ecc.). Raccogliere materiali per un capitolo di «fame usurpate». Nel 1860, il D’Azeglio, governatore di Milano, impedì che fossero mandate armi e munizioni a Garibaldi per l’im¬ presa di Marsala, « sembrandogli poco leale ( ! ) aiutare una insurrezione contro il regno di Napoli, con cui si era in re¬ lazioni diplomatiche», come scrive il senatore Mozziotti («Nuova Antologia», 1 marzo 1928, La spedizione garibal¬ dina del «Utile». Cfr Luzio, Il milione di fucili e la spedi¬ zione dei Mille nella «Lettura» dell’aprile 1910 e la lette¬ ratura su Garibaldi in generale: come Garibaldi giudicò il D’Azeglio? Cfr le Memorie)1. Poiché il D’Azeglio, in altre occasioni, non fu cosi attaccato alla «lealtà», il suo atteggia¬ mento deve essere spiegato con l’avversione cieca e settaria al partito d’azione e a Garibaldi. L’atteggiamento del D’A¬ zeglio spiega la politica | pavida e ondeggiante di Cavour nel 60: D’Azeglio era un Cavour meno intelligente e meno uomo di Stato, ma politicamente si rassomigliavano: non si trattava tanto per loro di unificare l’Italia, quanto di impe¬ dire che operassero i democratici. 1 § {57). Tendenze contro le città. Ricordare nel libro del Gerbi sulla Politica del 700 l’accenno alle opinioni di Engels sulla nuova disposizione da dare agli agglomerati cit¬ tadini industriali, dal Gerbi malamente interpretate (e le opinioni di Ford che il Gerbi anche interpreta male) \ Que¬ sti modi di vedere non sono da confondere con le tendenze «illuministiche» contro la città. Vedere le opinioni di Spen¬ gler sulle grandi città, definite « mostruosi crematorii della forza del popolo, di cui essi assorbono e distruggono le ener¬ gie migliori»2. Ruralismo, ecc.