Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/506

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


(miscellanea) 499 (insieme dei diritti e doveri) è dal lavoro innestato nell’ordine natu¬ rale. Il concetto dell'equilibrio tra ordine sociale e ordine naturale sulla base del lavoro, dell’attività pratica dell’uomo, crea la visione del mondo elementare, liberata da ogni magia e da ogni stregoneria e dà l’appiglio allo sviluppo ulteriore in una concezione storica, di mo¬ vimento, dei mondo. Non è completamente esatto che l’istruzione non sia anche educazione: l’aver insistito troppo in questa distinzione è stato un grave errore e se ne vedranno gli effetti. Perché l’istruzio¬ ne non fosse anche educazione bisognerebbe che il discente fosse una mera passività, ciò che è assurdo in sé, anche se proprio viene negato dai sostenitori ad oltranza della pura educatività contro la mera istru¬ zione meccanica. La verità è che il nesso istruzione-educazione è rap¬ presentato dal lavoro vivente del maestro in quanto la scuola è accele¬ ramento e disciplinamento della formazione del fanciullo. Se il corpo magistrale è deficiente, sarà la sua opera ancora più deficiente se gli si domanderà più educazione: farà una scuola retorica, non seria. Ciò si vede ancor meglio nella scuola media, per i corsi di letteratura e di filosofia. Prima gli allievi, per lo meno, lasciavano la scuola con un certo bagaglio di nozioni storiche concrete: ora che il professore do¬ vrebbe essere un filosofo e un esteta, gli allievi trascurano le nozioni concrete e si riempiono la testa di parole senza senso, subito dimenti¬ cate. La lotta contro la vecchia scuola era giusta, ma si trattava di una quistione di uomini più che di programmi. In realtà un mediocre insegnante può riuscire a ottenere che gli allievi diventino più istrui¬ ti, non riuscirà mai a ottenere che siano più colti: 'la parte meccanica della scuola egli la svolgerà | con scrupolo e coscienza, e l’allievo, se è un cervello attivo, ordinerà per conto suo il «bagaglio». Coi nuovi programmi, che coincidono con un abbassamento di livello del corpo insegnante, non si avrà «bagaglio» e non ci sarà niente da ordinare. I nuovi programmi avrebbero dovuto abolire completamente gli esa¬ mi: dare un esame adesso dev’essere terribilmente più «giuoco d’az¬ zardo » di una volta. Bene o male, una data è sempre una data, qual¬ siasi professore esamini, e una definizione è sempre una definizione. Ma un giudizio, un’analisi estetica o filosofica? Secondo me l’efficacia [educativa] della vecchia scuola media italia¬ na secondo la vecchia legge Casati, era dovuta all’insieme del suo or¬ ganamento e dei suoi programmi più che a una volontà espressa di es¬ sere scuola « educativa ». In questa quistione mi pare che si possa dire ciò che il Carducci diceva della quistione della lingua: gli italiani, in¬ vece di parlare, si guardano la lingua!. Nella scuola ciò si capisce pen¬ sando alla attività dell’allievo. I nuovi programmi, quanto più, nei teorici che li hanno preparati e li difendono, affermano e teorizzano l’attività del discente e la sua collaborazione attiva col docente, in realtà tanto più operano come se il discente fosse una mera passività. Nella vecchia scuola, dunque, l’organamento stesso dava l’educazione. Come? Lo studio del latino e del greco, delle lingue, con lo studio delle letterature e delle storie politiche rispettive, era alla base di questa educatività. Il carattere di educatività era dato dal fatto che queste nozioni non venivano apprese per uno scopo immediato pra-