Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/618

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


(miscellanea) 61 x

giacobini: Il giacobinismo è «l'applicazione dell'assoluti¬ smo di diritto divino alla sovranità popolare». «Il giacobi¬ nismo si preoccupa poco del diritto: procede volentieri per mezzi violenti, esecuzioni sommarie. La rivoluzione per es¬ so sono i colpi di folgore, le razzie, le requisizioni, il prestito forzato, l’epurazione, il terrore. Diffidente, ostile alle idee, si rifugia nell'ipocrisia e nel machiavellismo: i giacobini so¬ no i gesuiti della rivoluzione»1. Queste definizioni sono estratte dal libro: La justice dans la révolution \ L'atteggia¬ mento di Sorel contro i giacobini è preso da Proudhon. § (81). Passato e presente. Distribuzione territoriale della popolazione italiana. Secondo il censimento del 1921 su ogni 1000 abitanti, 258 vivevano in case sparse e 262 in centri con meno di 2000 abitanti (questa può dirsi tutta po¬ polazione rurale), 125 nei centri con 2000-5000 abitanti, 134 nei centri con 5000- 20000 abitanti (piccole città), 102 nei centri con 20000-100000 (medie città), 119 | nelle grandi città con più di 100 000 abitanti (cfr Giorgio Morta- ra, Natalità e urbanesimo in Italia nella «Nuova Antolo¬ gia» del i° luglio 1929) \ Cfr con lo spostamento delle ca¬ tegorie dei centri abitati dovuto alle aggregazioni di vari co¬ muni dopo il 1927 che ha aumentato il numero delle grandi e medie città specialmente (ma anche delle piccole, forse an¬ che in maggior proporzione), senza però mutarne la struttu¬ ra sociale. Secondo (sempre) il Mortara nel 1928 la popola¬ zione dei venti comuni con oltre 100 000 abitanti (comuni e non soltanto centri, perché dopo le aggregazioni) supera di poco i 7 milioni, cioè corrisponde al 173 per mille della popolazione nazionale; in Francia la proporzione è 160 per mille, in Germania 270 per mille, in Gran Bretagna circa 400 per mille, nel Giappone 150 per mille. Cent’anni fa i comuni con oltre 100 000 abitanti comprendevano 68 su mille abitanti e cinquant’anni or sono 86 per mille, oggi 173 per mille.