Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/622

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


miscellanea) 615 dell’anarchia comunale e feudale ma ne cerca una soluzione semimedioevale; in ogni caso pone il problema della Chiesa come problema internazionale e rileva la necessità di limi¬ tarne il potere e Fattività. Questa corrente è ghibellina in senso largo. Dante è veramente una transizione: c’è affer¬ mazione di laicismo ma ancora col linguaggio medioevale. §(86). Inghilterra. La bilancia commerciale inglese già da circa 50 anni prima della guerra andava modificando la sua struttura interna. La parte costituita dalle esporta¬ zioni di merci perdeva relativamente e l’equilibrio si fonda¬ va sempre più sullea cosi dette esportazioni invisibili, cioè gli interessi dei capitali collocati all’estero, i noli della mari¬ na mercantile e gli utili realizzati da Londra come centro fi¬ nanziario internazionale. Dopo la guerra, per la concorrenza degli altri paesi, l’importanza delle esportazioni invisibili è ancora aumentata. Da ciò la cura dei cancellieri dello Scac¬ chiere e della Banca d’Inghilterra di riportare la sterlina alla parità dell’oro e quindi reintegrarla nella sua posizione di moneta internazionale. Questo | fine fu raggiunto, ma ha de¬ terminato il rincaro del prezzo di costo della produzione in¬ dustriale, che ha perduto terreno nei mercati stranieri. Ma è stata questa la causa (almeno l’elemento più impor¬ tante) della crisi industriale inglese? In che misura il gover¬ no sacrificò gli interessi degli industriali a quelli dei finan¬ ziari, portatori di prestiti all’estero e organizzatori del mer¬ cato finanziario mondiale londinese? Intanto: il ristabili¬ mento del valore della sterlina può aver anticipato la crisi, non averla determinata, poiché tutti i paesi, anche quelli ri¬ masti per qualche tempo a moneta fluttuante e che l’hanno consolidata a un valore più basso dell’originario, hanno su¬ bito e subiscono la crisi: si potrebbe dire che avere antici¬ pato la crisi in Inghilterra avrebbe dovuto indurre gli indu¬ striali a correre prima ai ripari e a rimettersi quindi prima degli altri paesi, ritrovando cosi l’egemonia mondiale. D’al¬ tronde il ritorno immediato alla parità aurea ha evitato in “ Nel ms: «dalle».