Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/634

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


miscellanea) 627 §(95). L'uomo del Quattrocento e del Cinquecento. Leon Battista Alberti, Baldassarre Castiglione, Machiavelli mi sembrano i tre scrittori pili importanti per studiare la vi- , ta del Rinascimento nel suo aspetto «uomo» e nelle sue contraddizioni morali e civili. L’Alberti rappresenta il bor¬ ghese (vedere anche il Pandolfini), Castiglione il nobile cor¬ tigiano (vedere anche il Della Casa), Machiavelli rappresen¬ ta e cerca di rendere organiche le tendenze politiche dei bor¬ ghesi (repubbliche) e dei principi, in quanto vogliono, gli uni e gli altri, fondare Stati o ampliarne la potenza territo¬ riale e militare. Secondo Vittorio Cian (Il conte Baldassar Castiglione ( 1529-1929), «Nuova Antologia» del 16 agosto -1° settem¬ bre 1929)1 Francesco Sansovino, contemporaneo, là dove informa che Carlo V era assai parco lettore, soggiunge: «SÌ dilettava di leggere tre libri solamente, li quali esso avea fatti tradurre in lingua sua propria: l'uno per l’instituzione della vita civile, e questo fu il Cortegiano del conte Baldesar da Castiglione, l’altro per le cose di Stato, e questo fu il Principe co' Discorsi del Machiavelli, et il terzo per l'ordine della milizia, e questo fu la Historia con tutte le altre cose di Polibio»2. Scrive il Cian: «Non abbastanza è stato av¬ vertito che il Cortegiano, documento storico di primissimo ordine, attesta e illustra luminosamente l'evoluzione della cavalleria medioevale, la quale, attecchita in iscarsa misura, dicono, in Italia, in realtà, differenziatasi, sin dalle origini, da quella d’oltr'Alpi, nel clima italiano della Rinascita di¬ venta una nuova cavalleria, assume il carattere d’una milizia civile, combattente all’insegna di Marte, ma anche di Apol¬ lo, di Venere e di tutte le Muse. Evoluzione, dico, e non af¬ fatto degenerazione o decadenza, come parve al De Sanc¬ tis » \ Ma il Cian si basa solo sul Cortegiano, che è un tentativo di organizzare una aristocrazia intorno al «principe» e di differenziarla dalla morale borghese trionfante: che questa cavalleria fosse superficiale è dimostrato dall 'Orlando Fu¬ rioso, che precede il Don Chisciotte e lo prepara. In ogni ca¬ so l'articolo del Cian è da rivedere: egli è conoscitore filoio- 628 QUADE