Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/639

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


5 (ix) lirio, ecc.)», ecc. ecc. Il Boì'eldieu crìtica «il genere che, in realtà, mi sembra pericoloso e da deplorare» \ L’articolo del Manzi contiene qualche spunto sull’atteg¬ giamento della censura napoleonica contro questo tipo di teatro, specialmente quando i casi anormali rappresentati toccavano il principio monarchico. 4 § {104). Il Cinquecento. Il modo di giudicare la let¬ teratura del Cinquecento secondo determinati canoni ste¬ reotipati ha dato luogo in Italia a curiosi giudizi e a limita¬ zioni di attività critica che sono significativi per giudicare il carattere astratto dalla realtà nazionale-popolare dei nostri intellettuali. Qualcosa ora sta cambiando lentamente, ma il vecchio reagisce. Nel 1928 Emilio Lovarini ha stampato una commedia in 5 atti La Venexiana, commedia di ignoto cinquecentesco (Zanichelli, 1928, n. 1 della «Nuova scelta di curiosità letterarie inedite o rare»)1 che è stata ricono¬ sciuta come una bellisima opera d’arte (cfr Benedetto Cro¬ ce, nella «Critica» del 1930) \ Ireneo Sanesi (autore del vo¬ lume La Commedia nella collezione dei Generi letterari del Vallardi)3 in un articolo La Venexiana nella «Nuova Anto¬ logia» del i° ottobre 19294, così imposta quello che per lui è il problema critico posto dalla commedia: l’autore ignoto 51 bis della Venexiana | è un ritardatario, un codino, un conserva¬ tore, perché rappresenta la commedia nata dalla novellistica medioevale, la commedia realistica, vivace (anche se scritta in latino) che prende gli argomenti dalla realtà della comune vita borghese o cittadinesca, i cui personaggi sono riprodot¬ ti da questa medesima realtà, le cui azioni sono semplici, chiare, lineari e il cui maggiore interesse riposa appunto nella loro sobrietà e nella loro lucidezza. Mentre, secondo il Sanesi, sono rivoluzionari gli scrittori del teatro erudito e classicheggiante, che riportavano sulla scena gli antichissi¬ mi tipi e motivi cari a Plauto e Terenzio. Per il Sanesi, gli scrittori della nuova classe storica sono codini e sono rivolu¬ zionari gli scrittori cortigiani: è stupefacente. È interessante ciò che è avvenuto per la Venexiana a po¬ ca distanza da ciò che era avvenuto per le commedie del 1930-1932: