Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/666

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


miscellanea) 659 prodotto che può essere valutato nei suoi pregi e nei suoi di¬ fetti e che, conseguentemente, deve essere modificato a se¬ conda delle nuove esigenze e delle ulteriori evoluzioni». Perciò si potrebbe dire che «l’ordine giuridico è ontologico ed analitico, perché studia ed analizza i diversi istituti pub¬ blici nel loro reale essere» mentre «l’ordine politico, deon¬ tologico e critico perché studia i vari istituti non come sono, ma come dovrebbero essere e cioè con criteri di valutazione e giudizi di opportunità che non sono né possono essere giu¬ ridici ». E un tal barbassore crede di essere un ammiratore di Ma¬ chiavelli e di esserne discepolo, magari, anzi, perfeziona¬ tore! «Da ciò consegue che alla formale identità suddescritta si oppone una sostanziale diversità tanto profonda e notevole da non consentire, forse, il giudizio espresso da uno dei mas¬ simi pubblicisti contem|poranei che riteneva diffìcile se non impossibile creare una scienza politica completamente di¬ stinta dal diritto costituzionale. A noi sembra che il giudizio espresso sia vero solo se si arresta a questo punto l’analisi dell’aspetto giuridico e dell’aspetto politico, ma non se si prosegue oltre individuando quell’ulteriore campo che è di esclusiva competenza della scienza politica. Quest ultima, infatti, non si limita a studiare l’organizzazione dello Stato con un criterio deontologico e critico e però diverso da quel¬ lo usato per il medesimo oggetto dal diritto pubblico, ma amplia la sua sfera ad un campo che le è proprio, indagando le leggi che regolano il sorgere, il divenire, il declinare degli Stati. Né vale l’affermare che tale studio è della storia (!) in¬ tesa con significato generale ( ! ), perché pur ammettendo che sia indagine storica la ricerca delle cause, degli effetti, dei mutui vincoli d’interdipendenza delle leggi naturali che go¬ vernano l’essere e il divenire degli Stati, rimarrà sempre di pertinenza esclusivamente politica, non storica quindi, né giuridica, la ricerca di mezzi idonei per presiedere pratica- mente all’indirizzo generale politico. La funzione che il Ma¬ chiavelli si riprometteva di svolgere e sintetizzava dicendo: "disputerò come questi principati si possano governare e tenere” (Principe, c. n) è tale per importanza intrinseca di