Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/670

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


-1932: (miscellanea) 663 «rettifiche» (del padre Rosa) nella «Civiltà Cattolica» del 20 luglio 1929, riguardante anche il plebiscito del 1929 Su questo articolo confrontare anche il fascicolo successivo della stessa «Civiltà Cattolica» (del 3 agosto)2. A proposito del Concordato è da rilevare che l’art. i° dice testualmente: «L’Italia, ai sensi dell’art. 1 del Trattato, assicura alla Chie¬ sa Cattolica il libero esercizio del potere spirituale, ecc.». Perché si parla di potere, che ha un preciso significato giuri¬ dico, e non, per esempio, di «attività» o altro termine meno facilmente interpretabile in senso politico? Sarebbe utile fare una ricerca, anche di nomenclatura, negli altri concor¬ dati stipulati dalla Chiesa e nella letteratura di ermeneutica dei concordati dovuta ad agenti del Vaticano. § (130). Nozioni enciclopediche. La parola ufficiale o officiale. Questa parola specialmente nelle traduzioni da lingue straniere (in primo luogo l’inglese) dà luogo a equivoci e nel caso migliore a incom¬ prensione e stupore. In italiano « ufficiale » ha sempre più ristretto il suo significato e tende a indicare ormai solo gli ufficiali dell’esercito: è rimasto solo, in significato estensivo, in alcune espressioni diventate idiomatiche e di origine burocratica: «pubblico ufficiale», «ufficiale dello stato civile», ecc. In inglese invece «officiai» indica in generale ogni specie di funzionario (per ufficiale deH’esercito si usa «officer» che indica però anch’esso il «funzionario» in generale) e non solo quello dello Stato, ma di ogni sorta di ufficio privato (funzionario sin¬ dacale, ecc.) fino ad indicare persino il semplice «impiegato». (Si po¬ trebbe fare una più ampia indagine, di carattere etimologico, giuridi¬ co, politico). Cfr Quaderno 26 (xn), pp. 10-11. § (131). Riviste-tipo. Una rubrica grammaticale-lingui- stica. La rubrica Querelles de langage affidata nelle « Nou¬ velles Littéraires» ad André Thérive (che è il critico lettera¬ rio del «Temps») mi ha colpito pensando alla utilità che una simile rubrica avrebbe nei giornali e nelle riviste italia¬ ne. Per l’Italia la rubrica sarebbe molto più difficile da com¬ pilare, per la mancanza di grandi dizionari moderni e spe¬ cialmente di grandi opere di insieme sulla storia della lin-