Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, II.djvu/426

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


1932: (miscellanea) iioi re | all’attività economica, ma attraverso lo Stato, che garantisca un 12 interesse modico, ma sicuro. Lo Stato assume così una funzione di primo ordine come capitalista, come azienda che concentra il rispar¬ mio da porre a disposizione dell’industria e dell’attività privata, come investitore a medio e lungo termine. (Istituto di credito mobiliare). Ma assunta questa funzione può lo Stato disinteressarsi dell’organiz¬ zazione produttiva? Lasciarla, come prima, all’iniziativa della concor¬ renza privata? Se ciò avvenisse, la sfiducia che oggi colpisce l’indu¬ stria, travolgerebbe lo Stato: una nuova depressione che costringesse lo Stato a svalutare le sue obbligazioni come si sono svalutate le azio¬ ni e le obbligazioni industriali sarebbe catastrofica per l’insieme del¬ l’organizzazione politico-sociale. Lo Stato deve intervenire per con¬ trollare se i suoi investimenti sono bene amministrati. Si capisce lo sviluppo di un aspetto almeno del regime corporativo. Ma il puro controllo non sarà sufficiente. Non si tratta infatti di conservare l’ap¬ parato produttivo cosi come è in un momento dato. Bisogna svilup¬ parlo parallelamente all’aumento della popolazione e dei bisogni col¬ lettivi. In questi sviluppi necessari è il pericolo maggiore dell’inizia¬ tiva privata e qui sarà maggiore l’intervento statale. Se lo Stato si preoccupasse di iniziare un processo per cui la pro¬ duzione del risparmio da funzione di una classe parassitarla diventas¬ se funzione dello stesso organismo produttivo, questi sviluppi sareb¬ bero progressivi, rientrerebbero in un disegno comprensivo di razio¬ nalizzazione integrale: bisognerebbe condurre una riforma agraria (abolizione della rendita terriera e incorporazione di essa nell’organi¬ smo produttivo, come risparmio collettivo di ricostruzione e neoco¬ struzione) e una riforma industriale, per condurre tutti i redditi a ne¬ cessità tecnico-industriali e non più a necessità giuridiche di diritto quiritario. In questa situazione generale è la giustificazione storica delle ten¬ denze corporative, che si manifestano come esaltazione dello Stato in generale, concepito in assoluto, e come diffidenza e avversione alle forme tradizionali capitalistiche. Quindi base sociale[-politica] dello Stato [affermata e] cercata nella piccola borghesia e negli intellettuali, ma in realtà struttura plutocratica e legami col capitale finanziario. Le due cose non | sono contraddittorie, tutt’altro, come dimostra un 13 paese esemplare, la Francia, dove appunto non si comprenderebbe il dominio del capitale finanziario senza la base politica di una democra¬ zia di redditieri piccoli borghesi e di piccoli contadini. Tuttavia la Francia, per ragioni complesse, ha ancora una composizione sociale abbastanza sana, perché contribuisce a formarla la piccola e media proprietà coltivatrice. In altri paesi invece, i risparmiatori sono stac¬ cati dalla produzione e dal lavoro; il risparmio è « socialmente » caro, perché ottenuto con un livello di vita troppo basso dei lavoratori sia industriali, sia specialmente agricoli. Se la nuova struttura del credito consolidasse questa situazione, in realtà la peggiorerebbe, perché se il risparmio parassitario non corresse più neanche le alee generali del mercato normale, ci sarebbe la tendenza a un assalto della proprietà terriera parassitarla [da una parte] e le obbligazioni industriali dal- 1 II02 QUADERNO 9