Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, II.djvu/525

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


1200 QUADERNO 9 (xiv) di (e mi pare anche che il Fortunato abbia scritto qualcosa nello stesso numero unico del «Baretti»)3; in ogni modo il Fortunato si teneva in rapporti col Gobetti e cercava di im¬ munizzarlo dairinflusso della gente «pericolosa». p 139)/Gli intellettualiJ Sulla funzione che hanno 99 avuto gli inrettettualTÌn Ispagna prima della caduta | della monarchia è da vedere il libro di S. de Madariaga, Spagna. Saggio di storia contemporanea, a cura di Alessandro Schia¬ vi, Laterza, Bari, 1932. SulPargomento deve esistere una larga letteratura in Ispagna, attualmente, poiché la repub¬ blica si presenta come una repubblica di intellettuali. Il fe- nomèno spagnolo ha caratteri propri, peculiari, determinati dalla speciale situazione delle masse contadine in Ispagna. Pure è da riavvicinare alla funzione dell’« intellighenzia » russa, alla funzione degli intellettuali italiani nel Risorgi- 99 bis mento, degli intellettuali tedeschi | sotto il dominio france¬ se e agli enciclopedisti del Settecento. Ma in Ispagna la fun¬ zione degli intellettuali nella politica ha un suo carattere in¬ confondibile e può valere la pena di essere studiata \ § f§ ( 140 \~-StMa-€Ìpiltà ingleseLe pubblicazioni sulla letteratura inglese di J. J. jusserand (Storia letteraria del popolo inglese, Histoire littéraire, ecc.). L’opera di Jusse- rand è fondamentale anche per gli studiosi inglesi. Jus- serand fu diplomatico francese a Londra; era stato allievo di Gaston Paris e di Ippolito Taine. Al momento della sua morte (verso il settembre 1932) dell’opera principale dello Jusserand, Histoire littéraire du Peuple Anglais erano usci¬ ti due volumi; un terzo e conclusivo doveva seguire. Altri lavori sulla letteratura inglese e sulla storia della cultura in¬ glese dello stesso autore \ « § ( 141 ). Passato e presente. Caratteri del popolo italia¬ no. Come si spiega la relativa popolarità «politica» di G. D’Annunzio? È innegabile che in D’Annunzio sono sem- 1