Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, II.djvu/731

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


1406 QUADERNO II (XVIII) importa non è già l’opinione di Tizio, Caio o Sempronio, ma queirinsieme di opinioni che sono diventate collettive, un elemento e una forza sociale; queste occorre confutare, nei loro esponenti teorici più rappresentativi e degni anzi di ri¬ spetto per altezza di pensiero e anche per «disinteresse» immediato e non già pensando di aver con ciò « distrutto » l’elemento e la forza sociale corrispondente (che sarebbe puro razionalismo illuministico), ma solo di aver contribui¬ toceli mantenere nella propriajparte e rafforzare lo spirito di distinzione e di scissione^ar^a creare il terreno perché la propria parte assorba e vivifichi una propria dottrina origi¬ nale, corrispondente alle proprie condizioni di vita. È da osservare che molte deficienze del Saggio popolare sono connesse alP«oratoria». L’autore, nella prefazione, ri¬ corda, quasi a titolo di onore, l’origine «parlata» della sua opera2. Ma, come ha osservato già il Macaulay a proposito delle discussioni orali presso i greci, è appunto alle « dimo¬ strazioni orali» e alla mentalità degli oratori che si collega¬ no le superficialità logiche e di argomentazione le più stupe¬ facenti 3, Ciò del resto non diminuisce la responsabilità de¬ gli autori, che non rivedono, prima di stamparle, le tratta¬ zioni tenute oralmente, spesso improvvisando, quando la meccanica e casuale associazione delle idee spesso sostitui¬ sce il nerbo logico. Il peggio è quando, in questa pratica bis oratoria, | la mentalità facilona si solidifica e i freni critici non funzionano più. Si potrebbe fare una lista rantiap e mutçtînnes elenchi del Saggio popolare probabil¬ mente dovute "alla «foga» oratoria. Un esempio tipico mi pare il paragrafo dedicato al prof. Stammler4, dei più su¬ perficiali e sofistici. Cfr Quaderno 8 (xxviii), pp. 61 bis, 63, 61 - 61 bis, 75 bis. » § ( 16 ). Quistioni di nomenclatura e di contenuto. Una delle caratteristiche degli intellettuali come categoria socia¬ le cristallizzata (che cioè concepisce se stessa come conti¬ nuazione ininterrotta nella storia, quindi indipendentemen¬ te dalla lotta dei gruppi e non come espressione di un pro¬ cesso dialettico, per cui ogni gruppo sociale dominante eia-