Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/185

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


L'azione vulcanica 161 care le sorta di lava per giungere a qualche conclu¬ sione rispetto all’origine loro ed all’età loro ? Cosi, attraverso a tutta la cintura costiera delle Ande tutte le roccie vulcaniche sono somigliantissime tra di loro; laddove nel piccolo gruppo Mediterraneo di isole vul¬ caniche vi sono delle varietà di lava che sono ampia¬ mente differenti e che appartengono a tipi specializ¬ zati. Le lave non sono semplicemente delle roccie fuse. Esse sono piuttosto dei minerali disciolti in altri mi¬ nerali ; ed in questa loro mutua soluzione vi entrano pure dei gaz. Quando noi andiamo trattando di metalli come il ferro ed il rame noi sappiamo che essi si solidi¬ ficheranno nel raffreddarsi a temperature definite, per¬ chè essi fondono a temperature definite. Ma tali leggi non possono essere applicate sistematicamente alle lave. Molto spesso esse si raffreddano come materia liquida che congela — specialmente se esse sono raf¬ freddate subitamente — ma il più delle volte le soluzioni miste che le costituiscono cristallizzano solidificandosi secondo le leggi di soluzione, che non sono le stesse come quelle che concernano la fusione e la temperatura. La temperatura delle lave è altresì un argomento di congetture. Si sa da osservazioni che essa è più alta di quella dell’argento e del rame ai loro punti di fusione ; ed è probabilmente giusto di presumere che essa possa essere in alcuni casi altrettanto ele¬ vata come 3000° F. (1650“ C.) quando la lava giunge alla superficie. Ma una simile temperatura deve essere al disotto di quella, che la lava possedeva nelle pro¬ fondità sotterranee, perchè una certa quantità di ca¬ lore deve essere perduta nell’innalzamento. Le esplosioni vulcaniche sono generalmente accom¬ pagnate da vapore ; e se noi dobbiamo supporre che qualche grande proporzione dei gaz della lava sia de¬ rivata dalle acque che si sono congiunte colla lava nella sua corsa all’insù, allora l’energia consumata E. S. Gbew 11