Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/270

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Lo sviluppo di un pianeta 246 divenuti più grossi si avvicina alla seguente classe di roccie (1). Nella classe seguente il magma è divenuto tutto cristalli. I graniti vengono sotto questa intestazione, sebbene sia stato proposto più recentemente di porli in una sezione della classe che precede appunto questa. Ma in generale i graniti possono essere definiti come aggregazioni di cristalli di quarzo, feldspato e mica. I magma donde essi vennero erano ricchi di (1) Invece di vetroso, porfirico e granulare si usano i termini: vitreo, semi cristallino ed olo-cristallino. Geikie « Text-Book of Geology », 4a ediz. Voi. I, 1903, pag. 196. Geikie aggiunge: « I Sigg. Fongué e Michel Levy, facendo osservare che le roccie le più eruttive sono il risultato di stadi successivi di cristalliz¬ zazione, ciascuno dei quali riconoscibile dai suoi propri carat¬ teri, mostrano che devono essere osservate in modo speciale due fasi di consolidazione ; la prima (porfirica) segnata dalla formazione di grandi cristalli (fenocristalli; che sono molte volte rotti e corrosi dall’azione meccanica e chimica entro il magma non ancora solidificato; la seconda dalla formazione di cristalli più piccoli, cristalliti, che sono modellati intorno la serie più antica. In qualche roccia la prima di queste fasi è la sola presente, in altre roccie la seconda ». Sono stati proposti degli altri sistemi di classificazione, compreso quello del Prof. Rosen- busch, die ha proposto di raggruppare le roccie ignee in tre grandi sezioni; prima, le roccie situate profondamente, che si sono consolidate come masse plutoniche 0 intrusive molto al disotto della superficie; in secondo luogo le roccie dicchi, che possono esser state iniettate come dicchi o vene a minor di¬ stanza dalla superficie, sebbene alcune parti di esse possano essere venute al di sopra del suolo nelle eruzioni vulcaniche; terza, le roccie effusive o vulcaniche che sono fuggite alla su¬ perficie, e si sono colà solidificate — esse posseggono una struttura porfiritica. Ciascuna di queste grandi divisioni viene poi ulteriormente suddivisa in famiglie secondo la composizione mineralogica, cominciando coi tipi acidi e terminando con quelli basici al massimo grado. Alcuni geologi Americani danno la desi¬ gnazione « olocristallina »; alla classe, che nel testo noi abbiamo chiamata « granulare »; e parlano delle roccie in cui il magma è divenuto intieramente cristallino, denominandole « faneriti ».