Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/303

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Movimenti della terra 279 sioni e di contorsioni. Le roccie ignee possono essere rintracciate al Monte Bianco, nel Tirolo, nelle mon¬ tagne dei laghi italiani... Le Prealpi, in poche parole sono montagne senza radici. « In questa loro ultima caratteristica le Prealpi (i) non differiscono dalle Alpi più grandi, di calcare, che tengono loro dietro a Sud. Dei giganti tali come la Jungfrau, il Wetterhorn, l’Eiger sono pure senza fon¬ dazioni locali. Essi sono stati formati dalle curve disfatte e distese di grandi pieghe della crosta, le cui radici sono rintracciabili nel lato Sud della vallata del Rodano. L’Oberland Bernese trasse origine dall’accatastarsi di quattro grandi pieghe giacenti, una delle quali è continuata nelle Prealpi (Svizzere del Nord) ». Le Prealpi non formano un caso eccezionale (2). Esse sono semplicemente un esempio del meccanismo che ha costrutto le Alpi Svizzere, quali noi le vediamo. Esse non sono un ripiego locale del foglio sedimen¬ tario delle Alpi. Quasi tutta l’intiera coperta è stata spinta su ed accumulata al Nord. Le Prealpi sono state tagliate via dagli strati a cui esse appartenevano dall’azione di denudamento, ma Lugeon pensa che se noi avessimo potuto esaminarle prima che esse fossero per tal modo separate dalle loro radici, noi avremmo trovato otto fogli di sedimento sovrapposti e ripiegati su di loro stessi. 1 fogli si estendevano lontano come il Monte Bianco ed il Finsteraarhorn. Questo è come se una persona avesse rovesciato violentemente indietro gli spessori ad otto doppi delle coperte di un letto. Quella più elevata fra le pieghe giacenti sovrapposte è più estesa nel suo sviluppo di quelle che giacciono al disotto. Passando dalla più alta delle pieghe all’ingiù, si trova che esse sono sempre meno estese negli strati (il Ibidem. (V. Nota prec.). (a) Lugeon, « Bulletin Soc. Geol. de France ». 1901.