Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/37

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


La formazione di sistemi solari 19 ai suoi limiti ; e pressoché nulla circa ai suoi piani. Vi è motivo di credere, tuttavia, che non un uni¬ verso debba esservi, affatto unico; ma bensì che esso sia multiplo; che non vi sia un solo sistema di stelle, ma almeno due. Questa congettura fu dapprima emessa dal profes¬ sore J. C. Kapteyn di Groningen al Congresso di Arti e Scienze nel 1904 a St. Louis (1); essa è stata susseguentemente confermata dal sig. A. S. Eddington, deli’Osservatorio Reale di Greenwich (2), e dal si¬ gnor H. C. Plummer dell’Università di Oxford. Le loro conclusioni furono dedotte da uno studio del Ca¬ talogo delle stelle fatto da Bradley e Groombridge (3) e dal segnare i movimenti delle stelle dopo le date alle quali furono compilati quei cataloghi. Noi dobbiamo ad un articolo del prof. H. H. Turner nella Fortnightly Review di aprile 1907 un’illustra¬ zione la meglio spiegativa del modo col quale furono raggiunte queste conclusioni. Consideriamo, egli dice, il caso comune di un uomo che va camminando lungo una strada nella speranza di essere raggiunto da un omnibus. Egli incontra sempre un numero dei desiderati veicoli che è irritan¬ temente grande in paragone del numero di quelli che lo raggiungono. Ciò non è sorprendente, perchè gli omnibus hanno un’andatura di circa sei miglia ail’ora (quasi io km.) in media, ed egli percorre quattro miglia in un’ora (km. 6 112) e pertanto egli deve incontrare cinque omnibus che gli vengono incontro mentre uno solo arriva ad oltrepassarlo. (Il rapporto può essere ot¬ tenuto matematicamente coll’addizionare le due anda- (r) Congress of Aris and Sciences, SI. Louis. Voi. IV, p. 419. (2) A. S. Eddington (Royal Ast. Society Monlhly Notices, voi. LXVII, p. 34. Houghton Mifflin, 1906). H, C. Plummer (Royal Ast. Society Monlhly Notices, Voi. LXV, pag. 566-9). (3) Bradley (Kapteyn) 1750 ; Groombridge (Eddington) 1810.