Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/374

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


35° Lo sviluppo di un pianeta occidentali. Può essere concesso di immaginare l’an¬ tico Gondwana congiunto all’ antica Sud - America (arch-Amazonia) per mezzo del Sud dell’Atlantide ; ed un’immensa pianura terrestre che si estendeva per tal modo dal Sinai alla grande area del Brasile e dell’Argentina, mentre l’Antartica era congiunta al¬ l’Australia ed alla Patagonia. Ponti di terre. Al Nord dell’Islanda, vi sono degli indizi che possa esser esistito un ponte di terre tra i terreni dei due emisferi, sebbene esso fosse probabilmente interrotto frequentemente da trasgressioni del mare. (Il Dottor R. F. Scharff (i) è del parere che vi fosse un ponte di terre tra il Nord dell’Europa ed il Nord dell’Ame¬ rica non più oltre dei tempi Pleistocenici ; e che tale congiungimento passasse per la Groelandia e l’Islanda). Del resto, riassumendo alcuni dei ben noti aspetti della Terra durante le ere geologiche primitive: l’Is- landa, come le isole Feroe, mostra dei residui di una antica era vulcanica, ed ha un sostrato vulcanico più recente costrutto sopra un altro più antico. Infatti l’Islanda è stata continuamente ed attivamente vul¬ canica da tempi del medio Terziario sino ad oggidì. Le Canarie pure rivelano residui vulcanici più antichi al disotto di quelli più nuovi. Lo Spitzberg è una re¬ liquia dell’altipiano Paleozoico, con Ietti di un lago Devoniano sopra di esso ; e le Orkneys e le Shetlands fanno parte di una catena di montagne che sorsero nell’epoca Siluriana; e fanno parte della stessa catena dell’antica Caledonia, la quale si spingeall’insù verso la Norvegia. Proseguendo nel periodo di laghi poco profondi che (i) « Proc. Royal Irish Acad. », 1910.