Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/446

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


420 Lo sviluppo di un pianeta dell’aria tanto lieve da non essere avvertita, oppure elettriche, quali lo stabilirsi di campi elettrici o ma¬ gnetici, anche solo temporanei. Ma, senza ricorrere a codesti esempi, i quali richie¬ dono dei mezzi di osserv azione, che non sono alla por¬ tata di tutti, noi abbiamo un esempio familiare, il quale, sebbene sia in parte in un campo microscopico, riesce peraltro visibile ad occhio nudo, allorquando quel microscosma che si agita nell'aria si manifesta a noi direttamente, entrando nello spazio percorso da un raggio di sole, frammezzo ad un circostante ambiente oscuro. Questa condizione di visibilità è stata l’origine del- l’ultra-microscopio, com’è risaputo. Quel pulviscolo, leggerissimo finché esso è estrema¬ mente suddiviso, non sì tosto che alcune particelle di esso si sono congiunte insieme, vuoi per attrazione elettrica, vuoi per attrazione reciproca, vuoi infine per vischiosità o per altre azioni puramente meccaniche, tende per ragione di gravità a ricadere al suolo, op¬ pure sovra un piano qualsiasi, sofiermandovisi in pro¬ porzione di tanto maggiore quanto più il piano s’approssima all’orizzontale, il che dà un risalto, mag¬ giormente percettibile dall’occhio per varietà di colora¬ zione, persino ai più tenui e delicati rilievi. Allorché nel pulviscolo si trovano in copia delle fi¬ brille o dei filamenti minutissimi di sostanze orga¬ niche, si fonnano quei bioccoli di poh-ere, i quali vanno sempre maggionuente ingrossandosi per accrezione, cioè per aggregazione dall’esterno di altre fibrille e di granuli di pulviscolo. In questa maniera di formazione può essere ravvi¬ sata una lontana analogia coll’accrezione planetisma. ria. Ed a questo scopo soltanto, di foniire una certa rappresentazione mentale del modo col quale sarebbe avvenuta la formazione del primo nucleo di frammenti planetismari, è stato qui addotto un tale esempio. Facendo ora ritorno a quello citato dall’Autore, delle bollicine di aria, le quali vanno riunendosi in una