Pagina:Guicciardini, Francesco – Storia d'Italia, Vol. I, 1929 – BEIC 1845433.djvu/235

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

libro terzo — cap. iv 229

mancati i re della famiglia Lusignana, aggiunta al dominio viniziano, era molto inclinato che si accettasse qualunque occasione di accrescere il loro stato. Però, opponendosi a coloro che nella causa pisana consigliavano il contrario, dimostrava con efficacissime parole quanto fusse utile e opportuno a quel senato l’acquistare Pisa, e quanto importante il reprimere con questo mezzo l’audacia de’ fiorentini; per opera de’ quali aveano, nella morte di Filippo Maria Visconte, perduta l’occasione di insignorirsi del ducato di Milano, e che per la prontezza de’ danari avevano, nella guerra di Ferrara e nelle altre imprese, nociuto piú loro che alcun altro de’ potentati maggiori. Ricordava quanto rare fussino sí belle occasioni, con quanta infamia si perdessino, e quanto pungenti stimoli di penitenza seguitassino chi non l’abbracciava: non essere le condizioni d’Italia tali che gli altri potentati potessino per se stessi opporsegli; e manco essere da temere che per questa o indegnazione o timore ricorressino al re di Francia, perché né il duca di Milano che l’aveva tanto ingiuriato ardirebbe mai di confidarsene, né muovere l’animo del pontefice questi pensieri, né potere piú il re di Napoli, quando bene avesse ricuperato il regno suo, udire il nome franzese. Né l’entrare loro in Pisa, benché molesto agli altri, essere accidente sí impetuoso, né tanto propinquo il pericolo, che per questo s’avessino gli altri potentati a precipitare a’ rimedi che s’usano nell’ultime disperazioni; perché nelle infermitá lente non si accelerano le medicine pericolose, pensando gli uomini non dovere mancare tempo a usarle: e se in questa debolezza e disunione degli altri d’Italia essi per timiditá rifiutassino tanta occasione, aspettarsi vanamente di poterlo fare con maggiore sicurtá quando gli altri potentati fussino ritornati nel pristino vigore e assicurati dal timore degli oltramontani. Doversi, per rimedio del troppo timore, considerare che l’azioni mondane erano sottoposte tutte a molti pericoli, ma conoscere gli uomini savi che non sempre viene innanzi tutto quello di male che può accadere, perché, per beneficio o della fortuna o del caso, molti pericoli diventano vani, molti sfuggirsene con la prudenza e con