Pagina:Guicciardini, Francesco – Storia d'Italia, Vol. I, 1929 – BEIC 1845433.djvu/245

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

libro terzo — cap. vi 239

VI

Carlo VIII, anche per sollecitazioni di altri, torna a pensare alle cose d’Italia. Deliberazioni del consiglio regio e preparativi per una nuova spedizione in Italia. Timori e azione politica di Lodovico Sforza. Indugi frapposti alla spedizione dal cardinale di San Malò. Scarsi aiuti mandati da Carlo in Italia.

Nella quale incertitudine mentre che si sta, il re di Francia, da altra parte, trattava delle provisioni di soccorrere i suoi. Perché, come ebbe intesa la perdita delle castella di Napoli, e che per non essere state restituite le fortezze a’ fiorentini mancavano alle sue genti i danari e i soccorsi loro, svegliato dalla negligenza con la quale pareva fusse ritornato in Francia, cominciò di nuovo a voltare l’animo alle cose d’Italia; e per essere piú espedito da tutto quello che lo potesse ritenere, e per potere, dimostrandosi grato de’ benefici ricevuti ne’ suoi pericoli, ricorrere di nuovo piú confidentemente all’aiuto celeste, andò in poste a Torsi e poi a Parigi per sodisfare a’ voti fatti da sé, il dí della giornata di Fornuovo, a san Martino e a san Dionigi; donde ritornato con la medesima diligenza a Lione, si riscaldava ogni dí piú in questo pensiero; al quale era per se stesso inclinatissimo, attribuendosi a grandissima gloria l’avere acquistato un reame tale, e primo di tutti i re di Francia dopo molti secoli avere personalmente rinnovata in Italia la memoria dell’armi e delle vittorie franzesi; e persuadendosi che le difficoltá le quali aveva avute nel ritornare da Napoli fussino procedute piú da’ disordini suoi che dalla potenza o dalla virtú degl’italiani, il nome de’ quali non era piú, nelle cose della guerra, appresso a franzesi in alcuna estimazione. E l’accendevano ancora gli stimoli degli oratori de’ fiorentini, del cardinale di San Piero in Vincola e di Gian Iacopo da Triulzi, ritornato per questa cagione alla corte; in compagnia de’ quali facevano la medesima instanza Vitellozzo e Carlo Orsino e dipoi il conte di Montorio, mandato per il medesimo effetto da’ baroni che seguitavano le parti franzesi nel regno di Napoli; e ultimatamente vi andò