Pagina:Guicciardini, Francesco – Storia d'Italia, Vol. I, 1929 – BEIC 1845433.djvu/248

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
242 storia d'italia

non ritornasse a quella amicizia la quale il re si persuadeva che egli piú tosto per sospetti vani che per altra cagione avesse imprudentemente disprezzata.

Giá la fama degli apparati che si facevano, trapassata in Italia, aveva dato molta alterazione a’ collegati; e sopra tutti Lodovico Sforza, essendo il primo esposto all’impeto degl’inimici, si ritrovava in grandissima ansietá, inteso massime che, dopo la partita di Rigault dalla corte, il re con parole e dimostrazioni molto brusche aveva licenziato tutti gli agenti suoi. Per il che, rivoltandosi nella mente la grandezza del pericolo, e che tutti i travagli della guerra si riducevano nel suo stato, si sarebbe facilmente accomodato alle richieste del re se non l’avesse ritenuto il sospetto, per la coscienza dell’offese fattegli, per le quali era generata da ogni parte tale diffidenza, che e’ fusse piú difficile trovare mezzo di sicurtá per ciascuno che convenire negli articoli delle differenze; perché togliendosi alla sicurezza dell’uno quel che si consentisse per assicurare l’altro, niuno voleva rimettere nella fede di altri quel che l’altro recusava di rimettere nella sua. Cosí stringendolo la necessitá a prendere quel consiglio che gli era piú molesto, per cercare almeno d’allungare i pericoli, continuò con Rigault l’arti medesime che aveva usate insino allora; affermando molto efficacemente che farebbe ubbidire i genovesi ogni volta che il re desse nella cittá di Avignone sicurtá sufficiente per la restituzione delle navi, e che ciascuna delle parti promettesse, dando ostaggi per l’osservanza, che cose nuove in pregiudicio dell’altra non si tentassino: la quale pratica, continuata molti dí, ebbe finalmente, per varie cavillazioni e difficoltá che si interponevano, l’effetto medesimo che avevano avuto l’altre. Ma Lodovico non consumando questo tempo inutilmente mandò, mentre pendevano questi ragionamenti, uomini al re de’ romani per indurlo a passare in Italia con l’aiuto suo e de’ viniziani; e a Vinegia mandò imbasciadori a ricercargli che per provedere al pericolo comune concorressino a questa spesa, e che mandassino verso Alessandria i sussidi che fussino necessari per opporsi a’ franzesi: il che da loro fu offerto di fare