Pagina:Guicciardini, Francesco – Storia d'Italia, Vol. I, 1929 – BEIC 1845433.djvu/256

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
250 storia d'italia

provincia, si era ultimatamente, con gli spagnuoli e con molti soldati del paese, fermato a Castrovillole; dove avendo notizia che a Laino erano il conte di Meleto e Alberigo da San Severino e molti altri baroni con numero di gente quasi pari, e che ingrossando continuamente, disegnavano, come fussino piú potenti, d’andare ad assaltarlo, deliberò di prevenire, sperando di opprimergli incauti per la sicurtá che avevano dal sito del loro alloggiamento, perché il castello di Laino è posto in sul fiume [Sapri] che divide la Calavria dal Principato, e il borgo è dall’altra parte del fiume; nel quale alloggiando erano guardati dal castello contro a chi venisse ad assaltargli per il cammino diritto, e tra Laino e Castrovillole erano Murano e alcun’altre terre del principe di Bisignano che si tenevano per loro. Ma Consalvo, con diverso consiglio, partí con tutta la sua gente da Castrovillole poco innanzi alla notte, e uscendo della strada diritta prese il cammino largo, ancora che molto piú lungo e difficile perché s’avevano a passare alcune montagne, e condotto in sul fiume avviò la fanteria alla via del ponte che è tra ’l castello di Laino e il borgo; il qual ponte, per la medesima sicurtá, era guardato negligentemente: egli con la cavalleria, passato il fiume a guazzo due miglia piú alto, arrivò innanzi dí al borgo, e trovato gli inimici senza scolte e senza guardia gli ruppe in uno momento, pigliando undici baroni e quasi tutta la gente, perché fuggendo inverso il castello percotevano nella fanteria che aveva giá occupato il passo del ponte. Da questa onorata opera, la quale fu la prima delle vittorie che ebbe Consalvo nel regno di Napoli, ricuperate alcune altre terre di Calavria, e augumentate le forze, andò con seimila uomini a unirsi col campo che era intorno ad Atella; al quale erano arrivati, pochi dí innanzi, cento uomini d’arme del duca di Candia soldato de’ confederati, perché egli col resto della compagnia era rimasto in terra di Roma.

Per la venuta di Consalvo si strinse piú l’assedio, perché Atella fu circondata da tre parti, ponendosi da una le genti aragonesi dall’altra le viniziane e dalla terza le spagnuole; donde s’impedivano le vettovaglie che vi venivano, correndo