Pagina:Guicciardini, Francesco – Storia d'Italia, Vol. II, 1929 – BEIC 1846262.djvu/288

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
282 storia d'italia

pontefice si consegnasse quel che ancora si teneva per loro, in caso che e’ fusse liberato Giampagolo Manfrone e gli altri prigioni, avessino facoltá di trarne l’artiglierie, e che le genti che erano in Ravenna fussino salve. Le quali condizioni mentre che il pontefice, per non dispiacere a’ confederati, fa difficoltá di accettare, si arrendé la cittá di Ravenna. E poco dipoi i soldati, che erano nella fortezza, per loro medesimi la dettono; recusando il secretario de’ viniziani che vi era entrato dentro, perché quegli che per loro trattavano a Roma davano speranza che alla fine il pontefice consentirebbe alle condizioni con le quali la restituzione aveano offerta: lamentandosi gravemente il pontefice essere stata dimostrata maggiore contumacia con lui che non era stata usata né con Cesare né col re d’Aragona. E però, addimandandogli i cardinali Grimanno e Cornaro viniziani, in nome del senato, l’assoluzione dal monitorio come debita, per avere offerta nel termine de’ ventiquattro dí la restituzione, rispose non avere ubbidito, perché non l’aveano offerta semplicemente ma con limitate condizioni, e perché erano stati ammuniti a restituire oltre alle terre i frutti presi e tutti i beni che e’ possedevano appartenenti alle chiese o alle persone ecclesiastiche.


VII

Sentimenti diversi in Italia per le sventure de’ veneziani. Il pontefice acconsente a ricevere gli ambasciatori di Venezia. Mentre Padova, Vicenza e altre terre consegnano le chiavi agli ambasciatori di Massimiliano, Treviso si afferma fedele a Venezia. Inazione e lentezze di Massimiliano.

In questo modo precipitavano con impeto grandissimo e quasi stupendo le cose della republica viniziana, calamitá sopra a calamitá continuamente accumulandosi, qualunque speranza si proponevano mancando, né indizio alcuno apparendo per il quale sperare potessino almeno conservare, dopo la perdita di tanto imperio, la propria libertá. Moveva variamente tanta rovina gli animi degli italiani, ricevendone molti sommo