Pagina:Guida al Lago d'Iseo.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
26

del 1524. Trescorre detto Tres-cur pare derivato da Tres-curiae, forse tre case feudali poste nel sito importante ove sbocca la valle, dove la repubblica di Bergamo teneva razza di cavalli, e dalla quale venivano i cavalli dal Tonale, onde si disse Val Cavallina. — Abitanti 2906.

Il laghetto d’Endine ha poca pesca di tinche e di sardelle, e si mantenne libero per decreto veneto 2 luglio 1643, e per vantaggio delle ville Endeno, Solto, Spinone. Nel 1837 se ne abassò il livello escavandone l’emissario. Il Tadini nel 1799 richiamò l’attenzione sopra vecchio progetto di rendere il lago d’Endíne serbatoio artificiale per l’irrigazione.

Oltre questo trovasi il laghettino Gaià dai Martinoni di Solto, e sopra piccola prominenza ad occidente di esso, a pochi passi della via, si vede rovesciato un dolmen, monumento celtico, o d’altro popolo molto antico: monumento illustrato nel giornale il Crepuscolo dal 15 settembre al 1° dicembre 1850 da Luigi Tatti e da Gabriele Rosa. Intorno questo laghettino è terreno alluvionale in cui prosperano mirabilmente il maiz ed i vimini. — Abitanti 3147.


Lovere. — I seni più sicuri ed ampii del lago d’Iseo sono quelli di Lovere e di Pisogne che si prospettano, seni che dovettero essere palustri ai tempi