Pagina:Guida al Lago d'Iseo.djvu/48

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
34

le Trombe. uno de’ quali il sig. Zoia nel 1874 convertì in eccellente cantina. Fronteggiava Calepio l’aprico Capriolo. Sotto Calepio nel 1873 Hoffmann e Weber costrussero filanda a vapore. — Abitanti 503.


Capriolo ha reliquie di muro romano sotto il chiostro nel monte, e quando nel 1265 passò l’esercito angioino, venne espugnato e diroccato. Nella chiesetta di S. Gervasio sul monte serba una tela preziosa di Tiziano, e nella parrocchiale mostra una Risurrezione del Romanino. Sull’Oglio presso Capriolo è un grandioso molino americano ceduto alla Banca Popolare di Busto Arsizio nell’ottobre del 1876 per 212,000 lire, colla forza di quasi mille cavalli. — Abitanti 2180.


Paratico è storico, perchè vecchia tradizione, ricorda avere nel suo castello ghibellino accolto Dante nel 1311 quando era calato in Italia Arrigo VII. Nella lunetta esterna della chiesuola de’ morti a Paratico era un Cristo dipinto a fresco nel 1444, e levato nel 1876 pel Museo di Brescia. Da Paratico spiccasi la ferrovia per Palazzolo concessa per Decreto 28 agosto 1873, ed aperta il 31 agosto 1876. Sul lago ha la villeggiatura Della Santa Lotti. — Abitanti 1110.