Pagina:Guida al Lago d'Iseo.djvu/58

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
44

renne, sulla quale nel medio evo si posero molini e folli per tessuti di lana. Però s’argomenta che il rivo fu occasione alla costruzione delle case, alla nascita di que’ paesi, e sono ancora a Covelo molini e filatoio di seta, a Pilzone filatoio a Sale folli, a Marone molini, folli e filatoio.


A Pilzone è ridente penisola, dalla forma detta monticolo (Mantecol), che sotto gli ulivi e le viti ha nocciolo parte per calce idraulica, parte per calce grassa. Per la idraulica si cava la roccia dal 1860 e si cuoce a Palazzolo sull’Oglio, dove dal maggio 1873 si spediscono settimanalmente 1500 tonellate di materiale idraulico, e 180 di quello per calce grassa. — Abitanti 399.


Sulzano, sulla costa Grisa avea notevole fortilizio del quale mostra i ruderi. Sulla cresta del suo monte boscoso d’autunno vede liete brigate d’uccellatori e di visitatori del santuario di S. Maria; bel punto di vista all’intreccio, de’ confini di Sulzano, Polaveno e Gardone, dove villeggiavano i benedettini di Rodengo, che la fecero dipingere nel principio del secolo XVI. — Abitanti 744.