Pagina:Guida al Lago d'Iseo.djvu/91

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

77

Qui bisogna salire sul colle ove sta la parrocchia antica di S. Trinità, della quale rimane il coro di stile lombardo. Ivi erano due quadri, uno in tavola, altro in tela di Calisto da Lodi, che Guadagnini nel 1870 fece portare nella sagrestia della parrocchia attuale di Esine. In altare a sinistra di questa chiesa di S. Trinità è un insigne a fresco rappresentante la Crocifissione, simile a quello della chiesa de’ Disciplini di Clusone, che è del 1471. A piè del colle di Esine è la chiesa dell’Assunta, tutta nell’interno dipinta a fresco graziosamente da ignoto nel 1493, e fuori ha cappelletta con dipinto il Presepio di quell’epoca. Esine appare primamente in carte del 994. — Abitanti 1781.

Il ponte sull’Oglio tra Esine e Pian di Borno fu costrutto nel 1870.


Berzo — In diploma dell’anno 774 si nomina Berigis per indicare Berz, ma non si sa quale, perchè sono tre i paesi con questo nome, due nella Valle Camonica, uno presso il lago d’Endine. Bers è voce germanica antica, significante mira, onde il bersaglio. Anche la parrocchiale prisca di questo paese era sul colle, ed è il S. Lorenzo, ove pure serbansi dipinti del secolo XV, notevoli per la storia dell’arte. Ivi era pure una rocca, ora tutta rovinata, che apparteneva ai conti Lambertini. — Abitanii 661.