Pagina:Guida della città e provincia di Bergamo.djvu/35

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

= 37 =

dici greci peròra per avere le armi di Achille, stato ucciso da Paride, mentre Ajace, vistosi vinto dall’avversario, si trafigge. I pennacchi sono bellissime figure di Muse, o Virtù, dalle quali traspare Raffaello e la scuola romana.

Attiguo trovasi il Palazzo delle

Scuole ai Tre Passi

ove è raccolta l’Esposizione; e poco lungi la chiesa di

Santo Spirito.

Questo bellissimo tempio fu impropriamente giudicato opera del Sansovino; invece infino al cornicione credesi più fondatamente architettata da Pietro Isabello detto Abano, artista bergamasco (nato sullo scorcio del 1400 e morto circa alla metà del 1500) La volta poi fu fatta da Gio. Batt. Caniana in fine del passato secolo; il Coro fu compito ai nostri giorni.

Fermiamo specialmente l’attenzione dei visitatori sul dipinto del quarto altare a destra entrando, rappresentante la Vergine col Bambino con santi e gloria d’angeli, di Lorenzo Lotto. Singolarmente si ammira il S. Giovanino a’ piedi del trono, che scherza abbracciato all’agnellino. All’altare successivo la tavola