Pagina:Guido Carocci I dintorni di Firenze 01.djvu/326

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
284 I DINTORNI DI FIRENZE.

I dipinti che oggi adornano gli altari della chiesa sono tutti di data posteriore al restauro dei primi del XVII secolo e non presentano pregi singolari. Cose di un certo merito sono invece alcuni dipinti degli Allori e della maniera di Giovanni da S. Giovanni che vennero in luce in occasione dell’ultimo restauro. Di buona fattura è un crocifisso che adorna l’altar maggiore.

La parrocchia di Castello fu la prima in Toscana ad avere un cimitero proprio, quando per giuste ragioni d’igiene, venne inibito di seppellire più oltre nell’interno delle chiese. Trattandosi di una chiesa considerata quasi come una parrocchia della Corte Toscana, molte solenni funzioni vi furono in ogni tempo compiute ed in essa celebrarono la messa cardinali e prelati appartenenti alla famiglia Medicea od ospiti di essa nelle ville della Petraja e di Castello.

Annessa alla chiesa è la Compagnia del Sacramento che ha nella volta un affresco rappresentante S. Michele Arcangiolo, opera del Volterrano molto alterata e guasta dai restauri più volte subiti.

Al disopra della chiesa lungo la via di S. Michele si trovano:

In Poggio. - Villa Levi. — Possesso antico dei Giambullari, appartenne a Pier Francesco, storico fra i più apprezzati per la imparzialità dei suoi giudizi e per la purezza dello stile. Passò in parte nell’Arte del Cambio, quindi per un lungo periodo di tempo fece parte dei possessi della casa Granducale addetti alle ville di Petraia e di Castello.

In Poggio. - Villa Ribagli. — Appartenne nel XV e XVI secolo ad una famiglia Sermanni o di Ser Manno. Più tardi ne fu padrone e vi dimorò il valente pittore fiammingo Bilivert e nel 1761 venne acquistata dalla casa Granducale che la rivendè dipoi.

Canovaja o la Covacchia. - Villa Uzielli. — Antichissimi sono i due nomignoli coi quali la villa è stata alternativamente chiamata, ma il primo è quello che si trova di consueto in tutte le carte anteriori alla fine del XV secolo. Troviamo il primo ricordo della villa in un documento del