Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/102

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
98 canzoni ascetiche e morali


60 O bon Gesù, te, tal barone,
vedemo lasso, preso e denudato,
legato en tondo, siccome ladrone;
e ’l tuo bel viso battuto e sputacchiato;
apresso in croce afitto, a pogione
65bever fele, de lancia esser piagato!
E giá non fu tuo peccato,
ché non fai che bono o migliore;
ma latrocinio nostro fue,
und’appeso e morto se’ tue,
70tale nostro e tanto signore.
     O bon Gesù, tu contristato,
e di cielo e di terra onni allegrezza!
Preso è solvitor d’ogni legato,
laidita e lividata ogni bellezza,
75onore tutto e piacer disorrato;
è dannata giustizia a falsezza,
e disolat’è grandezza,
è vita e morte a dolore!
E di tutto ciò che ditt’aggio
80el fellon nostro coraggio
no nd’ha pietá, né amore.
     O bon Gesù, che villania
e che fellonesca e crudel crudeltate
vederte a tale, e saver per noi sia,
85non pianger, né doler di pietate!
O lasso, lasso! Chi non piangeria,
se tal dolor vedesse a un suo frate?
Or noi dolem spesse fiate
di fera — ah, om traditore! 90e
de pena via più leggera!
De te, sommo ben, per sí fera,
com’è non ciascun piangitore?
     O ben Gesù, com’è ragione,
chi non vol de la tua doglia dolere,
95allegra, de la tua resurrezione