Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/103

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

di guittone d'arezzo 99


e senza pena teco sostenere,
ch’è oltraggiosa? E matta è pensagione
pensar nel gaudio tuo teco gaudere,
mertar onta e danno tenere
100omo che pro cher’e onore,
ove affannare vol nente.
Nol chera mai cor valente,
senza operar lí, valore.
     O bon Gesù, apre el core
105nostro, crudel, duro tanto,
ritenendo, a far di te pianto,
com aigua ’n ispungia, dolore.

XXXVI

Alla vergine Maria.


     Graziosa e pia,
virgo dolce Maria,
per mercé ne ’nvia — a salvamento!
     Enviane a bon porto,
5vero nostro conforto,
per le cui man n’è porto — tutto bene;
in la cui pietanza
tutt’è nostra speranza,
che ne doni allegranza — e tolla pene;
10ché, for tuo dolce aiuto,
catun fora perduto,
sí come credo, tant’è fallimento.
     Adonque, dolce amore,
gioia d’alm’e di core,
15dí perfetto savore — ed etternale,
come noi po più cosa
di core stare amorosa,
che servir te, pietosa, — poi si vale?