Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/145

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

di guittone d'arezzo 141

4

Potesse disamare! Forse cosí indurrebbe la donna all’amore. Ma non può e pur spera di vincere.


 
     Deo, che non posso or disamar sì forte,
como fort’amo voi, donna orgogliosa!
Ca, poi che per amar m’odiate a morte,
4per disamar mi sareste amorosa;
     ch’altresì, com’è bon diritto, sorte
che l’uno como l’altro essere osa,
poi di gran torto, ch’ème ’n vostra corte
8fatto, me vengerea d’alcuna cosa.
     Torto è tale, no lo vidi anco pare:
non osarme piacer ciò ch’è piacente,
11ed essere odiato per amare,
     Malgrado vostro e mio son benvogliente,
e serò, ché non posso unque altro fare,
14e fa mister che pur vegna vincente.


5

Purtroppo chi è cortese è brutta e chi è bella è villana!


 
     Ahi! con mi dol vedere omo valente
star misagiato e povero d’avere,
e lo malvagio e vile esser manente,
4regnare a benenanza ed a piacere;
     e donna pro corsese e canoscente
ch’è laida sì, che vive in dispiacere;
e quella ch’ha bieltà dolze e piagente,
8villana ed orgogliosa for savere.
     Ma lo dolor di voi, donna, m’amorta,
ché bella e fella assai più ch’altra sete,
11e più di voi mi ten prode e dannaggio.
     Oh, che mal aggia il die che voi fu porta
sì gran bieltà, ch’altrui ne confondete,
14tanto è duro e fellon vostro coraggio!