Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/163

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

di guittone d'arezzo 159

40

La donna teme un inganno, sebbene l’espressione del poeta sia lusinghiera.


     Eo non tegno giá quel per bon fedele,
che falso consel dona a so segnore,
e voleli donar tosco per mele
4e far parer la sua vergogna onore;
     ma tegnol deservente assai crudele,
che gran sembiante ha ’n sé d’om traditore.
Reo è per lo pastor, ch’è senza fele,
8lupo, che po d’agnel prender colore.
     Ma non te poi ver me sí colorare,
che ben non te conosca apertamente;
11avegna ch’eo però non vòi lassare
     ch’eo non te receva a benvogliente,
secondo el modo de lo tuo parlare,
14intendendolo pur simplicemente.

41

Il poeta gioisce per l’accoglienza fatta alle sue parole, si duole del dubbio, e prega di fornirgli il modo di dimostrare le sue intenzioni.


 
     Lo dolor e la gioi del meo coraggio
non vo poria, bona donna, contare;
ché dolor ho, che m’è d’onn’altro maggio,
4che voi pur reo voletemi pensare;
     gioi ho di ciò, che mio amore e mio omaggio
vi piace, al modo de lo meo parlare;
ma non mi torna guaire in allegraggio,
8se voi per fin non mi posso aprovare.
     Però vo prego, per merzé, che agio
e loco date me, du’ pienamente
11demostri voi, s’eo son bon o malvagio.
     E, s’eo son bon, piaccia vo pienamente,
e s’eo so reo, sofrir pena e mesagio
14voglio tutto, sì con voi serà gente.