Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/170

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
166 sonetti d'amore

54

Maledice la fede e l’amore in cui confidò invano.


 
    Deo, che mal aggia e mia fede e mio amore
e la mia gioventute e ’l mio piacere,
e mal aggia mia forza e mio valore
4e mia arte e mio ingegno e mio savere,
    e mal aggia mia cortesia e mio onore
e mio detto e mio fatto e mio podere,
e mia canzon mal aggia e mio clamore
8e mio servire e mio merzé cherere;
    poi ch’al maggior mister ch’avesse mai,
o cred’aver, non m’han valuto fiore.
11Ahi, con mal, lasso! , en lor mi confidai,
    ché ’n fidanza de lor debel valore
vincente senza fallo esser pensai
14de ciò ch’eo son venciuto a desinore.

55

L’amata è cosí cangevole, che il poeta n’è smarrito e non sa che fare.


 
     Certo, noia, non so ch’eo faccia o dica,
sì trovo en voi diversa openione:
cortese e dolce e amorosa amica
4veggio sempre ver me vostra fazone;
     e la lingua villana ed enemica
è sempre ver me più, tutta stagione:
com’eo più d’amar voi prendo fatica,
8e la fazon più de dolcezza pone.
     Ed è stagion, che ’l sembiante è non bello,
ed altre, che la lengua è non villana,
11perch’io non m’oso allegrar né star fello,
     ch’onne parte mi fere e mi resana;
sì son smarruto, ch’eo non veggio quello
14che fare deggia enver ragion sì strana.