Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/247

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

di frate guittone d'arezzo 243

191

L’amicizia.


     Amistade d’envidia è medicina
e de leggero piaga onni sua sana,
ché preziosa è sua vertude fina
4e bono è ’l maggio di natura umana.
     Luce del mondo e spezial larga vina,
che ’n terra fai di bene onni fontana,
pane de vita e le dolzor cocina,
8devina grazia en lei giunge mondana.
     E so’ gaud’è l’autrui come ’l su’ bono,
e essa è d’uman ben tutto savore,
11in cui bono sa reo e dolze amaro.
     Vivendo senza lei mort’è ciascono,
e pover tutto ’l più ricco signore,
14e miser fort’e vil tutto ’l più caro.

192

La temperanza.


     Temperanza di corpo è sanitade;
vita li allunga e gaudio in lui retene;
e tolle lui dolore e ’nfermitade
4e cure troppo; e pace in lui convene;
     e presta a scienza tempo e caritade,
e contr’ogni aversar d’om pugna bene,
e dá di corpo ad alma podestade,
8ed in amor di bon lei lo contene.
     Onni vertù in lei pasce e congaude,
e catuna di lei riceve aiuto.
11Oh, quanto coronata è ben sua laude!
     Temperat’omo in part’è onni tenuto:
a pena più pregiato alcuno s’aude,
14ché bon v’è tutto e mal nullo ’nvenuto.