Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/248

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
244 sonetti ascetici e morali

193

Il buon desiderio.


     Pensand’om che val bon disio, fa d’esso
che desia. Qual è no lo procura?
Non ozioso star mai li è permesso:
4desio lo punge e mettelo ’n rancura.
     Und’abonda ’n sé, e, bon ovrando, spesso
sí fa vertute, quale, se ben dura,
vertuos’e beato om fa appresso,
8e dá bon tutto: degno atto e’ lavura.
     Onni cosa che val, val solamente
da la propia sua operazione,
11como non bono grand’omo valente.
     Operi bon chi di bon vol menzione,
e non a bon restia giá, ma promente
14a miglior sempre se pungia sperone.

194

La mansuetudine.


     Dolze vertù, mansuetudo, e degna,
e amatissim’a tutti, e graziosa,
no ira mai ’n te, né scandal regna,
4ma nel mezzo di guerra ’n pace hai posa;
     ed in terr’ed in ciel gaudi tu’ regna,
e non giá t’è nemic’alcuna cosa.
Ira, la qual contrar’a te s’assegna,
8che piò che fera quasi è feriosa,
     te deletta, te chere, e te s’enchina,
a ciò che tu li aiuti onne su’ ardore;
11e dolcissima lei se’ medicina.
     Oh, quanto è bono tuo, quanto bellore!
Sí come naso a viso e tu a dottrina,
14tu, di costumi ornament’e colore.