Pagina:I Duelli Mortali Del Secolo XIX, Battistelli, 1899.djvu/105

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

93

generale rifiutano di assistere al duello, se la distanza tra i combattenti è minore di venti passi.

L’ex comandante e i suoi testimoni si ostinano, perchè il duello abbia luogo a dieci passi. La persistenza, che per questo proposito han dimostrato il signor Arrighi e i suoi padrini, è stata più tardi spiegata dall’abilità del generale, e dalla mancanza d’esperienza e di pratica dell’Arrighi nell’esercizio della pistola. Nello stato di una risoluzione così invariabile, i testimoni del generale Lavasseur si credettero in obbligo di rinunciare al loro mandato; però, vollero farne conoscere i motivi e delle dichiarazioni furono allora successivamente firmate e inserite nei diversi giornali di Marsiglia.

Il signor Falcon, uno dei padrini del generale, così risponde alle interrogazioni del giudice:

«Io cercava di mettermi in rapporto con il signor Casabianca, testimone del comandante; ma non riescii a vederlo da solo, nè potei parlargli che in presenza dell’Arrighi»1.

Più tardi, ebbi tre colloqui coi signori Arrighi e Casabianca. Arrighi fu irremovibile, adducendo che avrebbe preferito battersi «tenendo ciascuno la cocca di un fazzoletto e sparando ad un segnale dato, e che era una concessione la sua, di accettare il duello a dieci passi di distanza».

Presidente — Qual’era l’influenza di Arrighi su Casabianca?

Falcon — Non m’è sembrato che Casabianca agisse di sua libera volontà; e penso che, fuori dall’influenza dell’Arrighi, si sarebbe adattato ad accettare condizioni, che meno si allontanassero dalle regole del duello. Nelle nostre conversazioni ho constatato ch’egli subiva tutte le volontà del comandante Arrighi».

E l’atto d’accusa continua:

«In queste circostanze, il generale Lavasseur, che non riteneva soddisfatto il suo onore dalle dichiarazioni dei primi rappresentanti, ne cercò di nuovi tra gli ufficiali della guar-

  1. Inconveniente grave, e già condannato, è quello di permettere ai primi di assistere ai colloqui dei rappresentanti.