Pagina:I Duelli Mortali Del Secolo XIX, Battistelli, 1899.djvu/142

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
130

un macigno; non vacillare tu! Mia sorella è sposa ad un conte; come mai Elena può sposarsi con un artigiano?... Questo, amico mio, l’abisso da colmare nella mente de’ miei genitori!

«Ti accusano di essere stato implicato in un ladrocinio e di èssere stato in rapporti.... con una donna d’età».

Sopravviene la disperazione; Elena non sa più come resistere e corre a chieder consiglio, ajuto, assistenza, ad.... offrirsi all’amico, che trova in lagrime. Lassalle, onesto, prega Elena di tornarsene a casa e come la persuasione non vince la resistenza della fanciulla, Lassalle le offre il braccio e la riconduce sino alla porta di casa.

Questo atto nobilissimo di Lassalle fu qualificato di stupido anche da Elena, la quale cominciò a raffreddarsi negli entusiasmi del suo volubile amore. Gli avevo dato l’anima e gli offrivo il corpo.... pensava tra sè Elena e.... l’imbecille, m’ha rimandato a casa!

Lassalle comprende, e se n’affligge fino alle lagrime.

Da Berlino, prevenuto dai parenti di Elena, sopraggiunge Rücowitz ed alla fanciulla viene imposto di scrivere che s’è riconciliata col valacco.

Una corrispondenza grave s’intavolò fra i Dönniges, Lassalle ed altre persone. Una corrispondenza punto edificante. Fu chiesto l’intervento di personaggi eminenti, fin’anco di Vescovi.

Il ministro di Baviera si collega a tutta quella gente in danno di Lassalle, e nulla si risparmia, perchè egli abbia a lasciare per amore o per forza la Svizzera.

Il 24 agosto Rüstow telegrafa all’intimo amico, Lassalle: «le vostre azioni ribassano» ritenendo la partita perduta per Lassalle. Questi, esasperato pel tradimento di Elena, le augura che il destino faccia le sue vendette; ed Elena replica «il mio destino è nelle tue mani, ma se tu villanamente mi abbandoni, possa la sciagura mia ricadere sulla tua testa. Possa almeno io seguirti nella tomba; perchè è il mio cuore, da te spezzato, che così parla!» (lettera da Monaco del 20 agosto).

Sempre più esasperato il povero Lassalle manda a sfi-