Pagina:I Duelli Mortali Del Secolo XIX, Battistelli, 1899.djvu/236

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
224


— Quando, dove e come vorrà, io sarò a sua disposizione; però l’avverto, caro signore, che prima di venderne la pelle, bisogna che l’orsacchiotto sia ben morto! Lo ricordi....

Il tenente Cingi a prosegue per Milano, e manda subito i suoi rappresentanti1 al signor avvocato Andreolo Nardi, giornalista (?) — che designò i suoi2.

Le qualità d’offeso spettarono al Cingia. Egli propose la pistola; che venne respinta per l’offerta fatta dal Cingia «dove, come e quando ella vorrà, ecc.».

Fu proposta la sciabola; ma l’avvocato Nardi, siciliano, preferì la spada3.

Lo scontro ebbe luogo alle 9 del mattino del 7 novembre, presso un’osteria nelle vicinanze di Chiasso. Messi di fronte i due avversari, sembrava di assistere al combattimento di Golia, essendo l’avvocato Nardi un pezzo d’uomo di non comune mole, e David, rappresentato dal tenente Cingia, piuttosto mingherlino.

Al comando scesero in guardia, ambedue calmi, studiosi l’un dell’altro. Uno dei padrini cosi descrive in una lettera lo scontro mortale:

«Dato il carattere dei due, io m’aspettavo che al comando d’attacco si sarebbero precipitati l’un contro l’altro. Invece, nulla. Calmi entrambi, con le lame appena incrociantesi verso la punta; attenti, tasteggianti, si studiavano prudentemente.

· · · · · · · · · · · · · · · · · · · · · ·

Dopo dieci minuti fu comandato il riposo.

Ma trascorsi pochi istanti furono ricollocati in guardia.

Ci aspettavamo una seconda ripresa di studio; ma mentre il Cingia si manteneva calmo per la parata e la risposta, l’avvocato Nardi si precipitava sull’avversario. Cingia retro-

  1. Furono il conte Antonio Rossetti e il capitano Giorgio Ferrari.
  2. Erano il pubblicista Corazzini e il dottore Alfredo Ferranti.
  3. In quest’arma i siciliani sono in generale destrissimi, perchè quasi o ben poco coltivano la scherma di sciabola.