Pagina:I Nibelunghi, Hoepli, 1889, I.djvu/150

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Avventura Quinta

In che modo Sifrido vide Kriemhilde


Cavalcar si vedea di giorno in giorno
Là, fino al Reno, chi venìa bramoso
Alla festa regal. Molti destrieri
E molte vesti prezïose intanto
5Con mano liberal fûr date attorno
A quanti discendeano a quella terra
Per amor di tal re. Seggi fûr pronti,
Come fu detto a noi, per maggiorenti
E per illustri e per ben trenta e due
10Prenci famosi della festa al tempo;
E di rincontro con industre gara
Molte si ornâr vaghe donzelle. Stanco
Gislhero giovinetto unqua non fue;