Pagina:I Nibelunghi, Hoepli, 1889, II.djvu/20

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

I Nibelunghi 379

Annunzio vi darò. Pria che la prova
Io fatto ne abbia appo Kriemhilde, questo
Ad Ètzel ricusar come potrei?
     Ogni agio intanto agli ospiti apprestava
335La gente. Di tal foggia ebber servigi,
Che Rüedgero affermò che veri amici
Fra gli uomini ei si avea di re Gunthero.
Volentieri Hàgen gli servìa, chè questo
Fatto ancora gli avea Rüedgero un tempo.
     340In fino al terzo dì, così rimase
Rüedgero, e il sire (e questo ei fea da saggio)
Per consiglio mandò se a’ suoi congiunti
Ciò ben fatto parea ch’Etzel a sposo
Tôr dovesse Kriemhilde. E quelli tutti
345Acconsentìan, se togli Hàgen soltanto.
A Gunthèr valoroso ei così disse:
     Mente giusta se avete, e da voi questo
Si eviterà per che voi nol facciate
In alcun modo, anche se tal consiglio
350Ella seguir vorrà. — Deh! perchè mai,
Disse Gunthero, io non dovrei seguirlo?
Ciò che più grato alla regina avviene,