Pagina:I Paralipomeni del Lucifero.djvu/20

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
14 canto primo

Possenti corde dal chiomato figlio
100Dell’Etna, tenterò liberi suoni.
Batterò sull’incude epica, dove
I suoi strali foggiò la catanese
Satanica Callïope i minori
Umili canti miei, propizíando
105Con sacro rito all’immortal poeta,
Onde dell’ombra sua qualche a me scenda
Debole raggio che sariami eterno
Nimbo fulgente sulla giovin testa.

    In pace lascerò voi, del flebeo
110Harem custodi; d’inveir coi morti
Non si piace la Musa. Ancor di troppo
Onor vi fece immeritato segno
Il cantor di Lucifero. Perdura
Sempre negli echi della terra il fischio
115Dell’apollineo suo staffil stridente
Sulle natiche sozze e sulle guancie
Incartapecorite ond’era un giorno
Funestato il gentil campo dell’Arte,
Noiosissimo gregge. Or basta l’eco
120Del cadenzato con maestra vice