Pagina:I Vicerè.djvu/475

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

I Vicerè 473


E cominciò a enumerare gl’insigni sottoscrittori: Sua Altezza il Bey di Tunisi, i vizir della reggenza, i più gran signori palermitani; il principe d’Alì, il marchese di Lojacomo, il duca tale e il conte tal altro.

— E?... — fece il monaco, quasi per dire: «Perchè vieni a contarmi queste storie?» senza neppur domandare al fratello: «Sei stato a Tunisi? Che sei stato a farci?»

— Ho pure le firme di venti municipii, di trenta società, di otto biblioteche. L’affare è magnifico. A conti fatti, dedotte le spese di stampa, carta, posta, etc. con le sole soscrizioni sinora raccolte il guadagno è assicurato. Ma debbo ancora girare mezza Sicilia per fare associati. Se arriveremo a trecento, resteranno diecimila lire nette.

— E?...

— Io ti vorrei proporre di stampare insieme il libro.

Il monaco lo guardò fisso nel bianco degli occhi.

— Sei pazzo?

— Perchè pazzo? Non credi che ci sia da guadagnare? Ti faccio i conti in quattro e quattr’otto, ti faccio vedere le firme raccolte...

— Non voglio veder niente! Credo benissimo e ti ringrazio tanto. Tieni per te le diecimila lire.

Il cavaliere aveva un bell’insistere, col tono persuasivo e insinuante d’un sensale o d’un mezzano, e un bel sgolarsi per dimostrare a luce meridiana l’eccellenza della sua proposta; don Blasco continuava a rifiutare, dapprima seccamente, poi alzando la voce, poi gridando perchè quel seccatore gli si togliesse dai piedi.

— Allora... se non vuoi correre i rischi dell’affare... fammi un favore... I soscrittori non pagano anticipatamente; m’occorre una somma per cominciare la stampa. Prestami un migliaio di lire...

— Non le ho.

— Ti cederò le firme più sicure, le sceglierai tu stesso...

— Non le ho.