Pagina:I Vicerè.djvu/522

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
520 I Vicerè

il fratello. Questi aveva ordinato, di suo capo, senza dirne niente a nessuno, quattro grandi scaffali per disporvi i suoi libri; quando il principe vide arrivare quei mobili, fece chiamare Consalvo e gli domandò concitato:

— Chi t’ha permesso d’ordinar nulla, in casa mia?

Il giovane rispose con la studiata freddezza che faceva imbestialire suo padre:

— Avevo bisogno di questi mobili.

— Qui comando io, t’ho detto molte volte, — ribattè l’altro, facendo sforzi violenti per contenersi. — Non s’ha da piantare un chiodo senza mio permesso! Se vuoi far da padrone, vattene via! Nessuno ti trattiene!... Prendi moglie e rompiti il collo.

— Ho già detto, — rispose Consalvo più freddo che mai, — ho già detto allo zio che non voglio ammogliarmi...

— Ah, non vuoi?... Non vuoi?... Ed io ti butterò via a pedate, bestione! facchino! animale!...

— Tanto meglio, — soggiunse il principino freddo come la neve. — Mi farete piacere...

A un tratto il principe impallidì come se stesse per svenire, poi diventò paonazzo come per un colpo apoplettico, e finalmente proruppe, abbaiando come un cane:

— Fuori di qui!... Fuori di casa mia!... Ora, all’istante, cacciatelo fuori!..."

Accorsero, pallidi ed impauriti, la principessa, Teresa e Baldassarre: con la bava alla bocca, il principe fu trascinato via dalla moglie e dal servo.

Teresa, giunte le mani tremanti dinanzi al fratello, esclamò con voce d’angosciosa rampogna:

— Consalvo!... Consalvo!... Come puoi far questo?

— Tu lo difendi? — rispose il giovane, sempre calmo, ma con voce un po’ stridula. — Difendilo, difendili, gli assassini di nostra madre.

— Ah!

Ella nascose la faccia tra le mani. Quando si guardò intorno, era sola. Un andirivieni di servi, per la