Pagina:I colloqui.djvu/148

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
138 Torino

iii.


Un po’ vecchiotta, provinciale, fresca
tuttavia d’un tal garbo parigino,
3in te ritrovo me stesso bambino,
ritrovo la mia grazia fanciullesca
e mi sei cara come la fantesca
6che m’ha veduto nascere, o Torino!

Tu m’hai veduto nascere, indulgesti
ai sogni del fanciullo trasognato:
9tutto me stesso, tutto il mio passato
i miei ricordi più teneri e mesti
dormono in te, sepolti come vesti
12sepolte in un armadio canforato.